Linee Guida sui criteri per individuare l’Authority Capofila per i trattamenti transazionali

EU-300

Il Gruppo (ex Art. 29) dei Garanti europei della privacy, con l’intento di fornire utili interpretazioni per il Regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, ha emanato le Linee guida del 13 dicembre 2016 sui criteri per individuare l’Autorità capofila nel caso di trattamenti di dati personali transnazionali.

Come ricordato dal Garante italiano, l’Autorità capofila

“deve fungere da “sportello unico” per i trattamenti transnazionali (se il titolare o il responsabile tratta dati personali in più stabilimenti nell’Ue o offre prodotti o servizi in più Paesi Ue anche a partire da un solo stabilimento).  Si tratta di un elemento importante del nuovo quadro normativo (…)”

e

“le Linee guida vogliono aiutare i titolari o responsabili del trattamento a individuare correttamente l’Autorità competente in questi casi così da evitare controversie e garantire un’attuazione efficace del Regolamento”.

Tali linee guida offrono un primo chiarimento in tale materia, in previsione dell’applicazione del Regolamento, prevista per il 25 maggio 2018.